giovedì, aprile 12, 2012

storie della buona notte 1

Ascolta Elisabetta.

E' notte, c'è silenzio per le strade, le macchine sono parcheggiate sotto i palazzi e poche luci fioche illuminano i marciapiedi. Nessuno è per la via quando all'improvviso si sente un rumore, come di elastico, sempre più forte. All'improvviso appare all'angolo della via Zeno, la molla umana. Con quattro balzi arriva sotto il civico 1 di via Venanzio dove con un certo sforzo, dal consueto secondo piano riesce ad arrivare con un solo salto fino al quarto piano. Lì, dopo averlo caricato con cura, lancia un bello sputazzo sul balcone di Danilo, così per scherzo e poi torna giù. Altri balzi ed è già in fondo alla strada e poi scompare. Rimane solo lo sputazzo sul balcone al quarto piano.

Elisabetta: "mamma - ah ah ah - non riesco a dormire! Zeno la molla umanaaaaaaaaaa"