venerdì, gennaio 30, 2009

macchine speciali 2




Questa è la volta di una trivella per indagini geognostiche, montata su un autocarro. Forse non così "esotica" come la 'macchina perforatrice per aspirazione' ma comunque con un suo fascino meccanico non indifferente.

venerdì, gennaio 16, 2009

Il regno dell'ingegner G


In questa stanzetta sono stipati centinaia di modelli di treni, aerei, automobili, navi da guerra, camion dei pompieri, mezzi riprodotti in ogni scala disponibile, conservati in vetrine o ammassati, con tutte le scatole originali accatastate lungo una parete o sopra la libreria. Un paradiso per gli occhi!
Questo è lo studio dell'ingegner G.

mercoledì, gennaio 14, 2009

macchine speciali


Per lavoro, ho visto in azione un mezzo di scavo mediante aspirazione (vacuum drilling). Impressionante: capace di realizzare buchi di circa 40 cm. di diametro e fino a 4 metri di profondità solamente aspirando il terreno (per quanto compatto possa essere) fino a dei ciottoli grandi come la testa di un uomo. Un rumore infernale ovviamente.

appunti grafici - visita al museo

Museo di Storia Naturale Caffi

giovedì, gennaio 08, 2009

Mollica e ho detto tutto

Come lo detestavo anni fa! Poi ho imparato ad ignorarlo completamente e non mi ha dato più fastidio. Però quando capita di vedere qualcuno che l'attacca, ecco allora un pochino ci godo.
Mollica era quello che arrivava in ritardissimo ai corsi fumetto, non si scusava, si aggirava sudato fradicio e affamato, sproloquiando di amicizie importanti, tirandosela un casino e dicendo un mare di scurrilità. Proprio un gran signore insomma.

il mio amico Massimo disegnò una bellissima vignetta (che un giorno spero di rivedere): un esseruncolo in primo piano si sfogava contro la maleducazione di Mollica e infine lo cacciava dicendogli una cosa tipo: "posa il sasso quando esci".
Perfetto stile Grubert.

Riviste aereonautiche

Non c'è motivo per ritagliare una foto quando la puoi ridisegnare. Per prima cosa faccio esercizio che ne ho un bisogno assoluto, poi mi fisso nella memoria le caratteristiche salienti dell'aereo riprodotto, terzo mi rilasso un pò.

Compaiono sotto le mie dita strane forme. Velivoli-razzi da fantascienza che viaggeranno forse a velocità smodata (!). Poi se si guarda il supporto del modellino con i coni in materiali assorbenti, sembra la testa di un robot, un braccio di un rullo lava-macchine, l'aspirapolvere tecnologico che si gira come vuole e che si può sollevare in alto per aspirare le ragnatele negli angoli più difficili. La tecnologia si assomiglia un pò tutta, infatti.

tracce di vacanze - 3

poveri fratelli miei, che ritratti!


Poi, ad ogni festa che si rispetti, c'è sempre mio padre che si macchia e che chiede l'intervento del portentoso Viavà. Quello che compare come pseudoritratto invece è l'altro mio zio che ci spiega l'etimologia del verbo bergamasco "lustrà" oltre a raccontare aneddoti di vita coniugale dei miei nonni.

tracce di vacanze - 2

Che poi si sa come va a finire. Anche se è vacanza ci si stravacca davanti alla tele! Quella sera però io avevo il taccuino e facevo la posta alla moglie assorta nei telefilm di comari americane.

tracce di vacanze - 1


Ogni momento è quello giusto per far scorrere una matita. Anche a colazione, tra un biscotto e una sorsata di latte, getto uno sguardo alla mia bimba che è a caccia di corn-flakes e poi osservo me stesso che si riflette nella zuccheriera conica, regalo del mitico Bona. Era il 20 dicembre, quasi all'inizio delle vacanze.

mercoledì, gennaio 07, 2009

si tirano le somme

Eccoci al rientro in ufficio dunque.
Finite le ferie di già. "anno nuovo ciccia nuova" dice mia moglie.
sono volate le settimane per cui di questo bel tempo ozioso ricorderò:
due o tre nevicate, due o tre viaggi in auto con un bel traffico da sopportare, qualche spesa senza troppi patemi d'animo, la nuova macchina del caffè, le cene e i pranzi con amici e parenti con annesse chiacchere fiume, i libri ricevuti, regalati o semplicemente iniziati (e finiti), la impressionante collezione di modellini e libri sul tema dell'ingegner G., la nuova agenda 2009 minimalista, qualche disegnetto qua e là, il calendario di Gipi che non so dove metterò, ma soprattutto la mia splendida Elisabetta che da domani mi mancherà tantissimo (anche la moglie ovviamente).

giovedì, gennaio 01, 2009

diario grafico - giapponesismi


2009 l'anno del coguaro

Da come sono balzato giù dal letto stamane, chiamato dalla mia figliola, alle ore 8:20 direi che questo è l'anno del puma americano, del coguaro assonnato, del felino pigroso. Poi vedremo, oroscopi magici permettendo cosa succederà.
...intanto al risveglio abbiamo trovato tutte le colline avvolte nella magia della neve con un bel sole che promette una bellissima giornata.

PS Elisabetta inaugura il 2009 rompendo un vasetto cinese con delle scritte ideogrammatiche misteriose che vorranno dire: "fulmini peste a chi mi rompe" oppure "fortuna eterna finchè sto intero".