mercoledì, giugno 25, 2008

La fine del Ponte

il ponte completato...vabbè non è proprio come quelli di Calatrava.
purtroppo l'area di cantiere è stata lasciata in condizioni pietose


Approfittando della mia assenza tra malattia e ferie, gli operai industriosi hanno terminato il ponte di Cusano e l'hanno pure installato a cavallo dell'autostrada.
Fine...allora.

Al prossimo ponte!

Ferie

Per riprendermi dalla bella ulceretta, cosa meglio di un paio di settimane di vacanze al mare?
tempo non proprio estivo ma comunque rilassante. Sul finale gran caldo, giusto quando si doveva tornare a casa. Comunque ci voleva!

giovedì, giugno 05, 2008

Ma il ponte?

Lo so che non aspettavate altro...



nel frattempo collasso...



Qualcuno potrà trovarci delle coincidenze tra la chiusura dell'ufficio e il mio repentino crollo fisico....

In realtà stavo covando da settimane una bella ulceretta che mi ha fatto diventare anemico forte, ovvero con il sangue diluito come un ginger e il colorito pallido pallido tipo carta A4 Navigator.

Risultato: sabato e domenica ho foppato a nastro del bel vomito misto sangue, sono svenuto, lanciandomi a peso morto su un bidè, ho testato con la tempia la tenuta della ceramica ed eventualmente del rubinetto inox e sono rimasto esangue a terra mentre la povera moglie urlava e credeva che fossi già a cavalcare per i campi elisi.


Sono stato al Pronto Soccorso tutto lunedì 2 giugno a godermi l festa nazionale, poi alle 8 di sera finalmente sono stato dimesso, dopo una serie di flebo e di esami vari.

Ora illanguidisco in casa, tra dieta a base di carne rossa, integratori e medicine varie!
Povero ribelle!

...Come farà il Dekus a dichiarare guerra al nuovo impero?

Ufficiale: si chiude!


la base ribelle, teatro di tante battaglie contro l'impero Acchins sta per chiudere.

Il vs affezionatissimo si trasferirà in quel di Bonate alla corte dei Signori delle Ghiaie ovvero la signoria dei Decortes. Perderemo nel frattempo la compagnia di Cinzia oltre che naturalmente di tutti i nostri vicini di Ufficio, a partire dal clan dei Fonetici! Si cambia insomma.

Ci sarà della malinconia nell'inscatolare faldoni, blocchi, risme di carta (fino ad ora tenute ben nascoste dalle mire del Signore di Cusano), nello spegnere per l'ultima volta la luce su questa moquette grigia sporca, nel lasciarsi indietro il piazzale di parcheggio e poi quell'amena località di Cusano Milanino... Però bisogna guardare avanti.

Non siamo forse ribelli dentro?