lunedì, ottobre 06, 2008

Paranoie collettive - le scie chimiche


Ci sono quelli delle teorie del complotto (e/o del mistero).

Non so come nascono, saranno quelli che liberano i nanetti, gente strana.

Ci sono poi le trasmissioni come voyager su RAI2 con quella specie di venditore di divani che gira con il giubbotto in pelle e viene colpito da flash in continuazione che parla di queste teorie.

I fanatici guardano la trasmissione e ci credono.
La trasmissione riceve i feedback dai fanatici e si rincuora su quello che ha trasmesso.
nasce la scienza.

le scie chimiche!!!! ma come si fa?

Insomma, ci sarebbereo gli aerei tutti che cospirano per non far piovere qui o lì, o per far piovere, o per mettere sottopressione i terricoli abitanti del mondo. Si mettono a disegnare X per terrorizzare... ovunque nel mondo ...senza che noi si possa far nulla.

Un potere immenso sopra le nostre teste!!!! Noi poveri terrestri ridotti come Asterix a temere che ci crolli il cielo in testa. Contiamo i giorni di siccità, leggiamo blog, incrociamo i dati e i flussi ben sapendo che questo è male.

La rabbia che mi prende è per l'assoluta impotenza di chi vuole minimamente mettere in dubbio queste teorie: se osi contestare un teorico del complotto o complottista della teoria non fai altro che sottolineare il suo delirio, aggiungendo un rimando in rete a questo argomento, aumentando il numero di persone che ne parla, etc etc

Lo so, anch'io ora, con questo post,

in questo momento sto lavorando a favore delle scie chimiche e dei suoi "studiosi". è il paradosso a cui si va incontro.

Anch'io mi sono piegato allora.

ho fotografato il cielo

miodio.

Verona agosto 2008
Bonate Sotto settembre 2008
sono attorno a noi.


e non solo...
mi ricordo

delle vespa 50 che lasciavano nuvole azzurrognole per la via.
la Piaggio in mano agli americani.

cosa succederà domani?
PS "come l'aereo lascia la scia
io ti lascio la firma mia." Franca
alle elementari era molto più semplice

Nessun commento: